Ultimo articolo dal blog
Le guerre dimenticate
Italia in vacanza, nel mondo si uccide

Mentre gli italiani si preparano alle vacanze o sono già al mare, l’attenzione dei media è concentrata sugli sviluppi del braccio di ferro tra Salvini e le Ong sulla questione dei migranti. La bellezza di Lampedusa oscurata dalle drammatiche immagini della “Sea Watch 3” fa pensare ad un’altra estate senza pace. È straniante parlare sotto […]

Continua a leggere

Prima Pagina

Cronache, storia, libri... non solo Sardegna.

Perché questo sito

Cronache, storia, libri… non solo Sardegna.

Il sottotitolo riassume i contenuti e le finalità di questo sito. Una volta si usavano le cartelle per archiviare articoli, giornali, ritagli, documenti… e gli scaffali per sistemare, secondo un metodo personalissimo, la libreria dove poter trovare a occhi chiusi il volume iniziato o accantonato in un particolare punto in attesa dell’ispirazione.

Oggi c’è il web. Che tutto accoglie, conserva e mette a disposizione. Di chi, per chi e che cosa, è un altro discorso. Intanto carichiamo su internet di tutto, dai testi alle immagini, dalla musica ai video. Poi si vedrà. Eliminare è un attimo. Con un clic scompare in un istante un’intera vita custodita in un archivio digitale.

Più faticoso gettare nei sacchi centinaia di volumi, montagne di vecchi giornali, lettere e documenti senza storia, cartacce di ogni genere che quando vengono conservate magari hanno un significato sentimentale, rappresentano un fatto o un ricordo, ma che dopo di te alla fine non interessano più a nessuno.

Però c’è archivio e archivio. L’archivio personale dei propri affetti e l’archivio della memoria collettiva che custodisce un piccolo tassello di una storia comune. La storia di ciascuno si intreccia nel tempo con le storie degli altri, con il luogo, la lingua, le tradizioni e la cultura di un popolo. Per questo gli “archivi” sono importanti e aiutano i ricercatori o i cronisti per ricostruire e raccontare una storia.

Grande passione

Cronache, storia, libri... non solo Sardegna.Da quando ho scritto il mio primo articolo di cronista, nel lontano 1974, praticamente ho fatto di questa quotidiana ricerca l’obiettivo della mia professione e quindi della mia vita. Sono stato fortunato. E felice. Ho potuto svolgere il lavoro che sin da studente del liceo avevo immaginato di fare, e che penso sia il più bello del mondo. Il giornalista. L’ho fatto con entusiasmo, passione, piacere, con fatica e stress, con soddisfazione per uno “scoop” e delusione per un “buco”, ma sempre consapevole di avere una grande responsabilità. Quella di fare informazione.

Non c’è differenza nello scrivere una notizia in breve o un lungo reportage: bisogna sempre informare bene e con onestà rispettando le regole del mestiere. L’obiettività non esiste, è un’utopia che si insegna nelle scuole di giornalismo, ma fare del buon giornalismo è possibile.

Il giudizio ai lettori

I nostri lettori sono i nostri giudici e noi siamo lo specchio di ciò che scriviamo. Dobbiamo sempre guardarci senza dover mai vergognarci o avere dubbi su ciò che pubblichiamo. E  lo dico soprattutto per i giovani che si avvicinano a questo lavoro, che non è finito come molti pensano, ma anzi con internet si è sviluppato senza più confini.

Non so se sia riuscito in quarant’anni a tenere fede agli ideali della professione, ma so che ci ho provato credendo profondamente in questo lavoro. Sono gli altri che potrebbero dirlo e sono i miei articoli usciti sull’Unione Sarda, il quotidiano in cui ho trascorso tutta la carriera da cronista a vicedirettore, e nelle tante testate a cui ho collaborato. Scrivendo tutti i giorni si fanno presto i calcoli: cinque, seimila articoli di ogni genere. Chissà. Come mattoni, uno sull’altro, un piccolo edificio.

Archivio da condividere

Nel mio archivio di casa conservo molti di quegli articoli, di prime pagine in occasione di eventi eccezionali, di ritagli, supplementi, inserti, numeri zero e primi numeri di nuovi quotidiani, appunti, bozze, foto. Tutti conservati in cartelline a tema. Rappresentano il mio lavoro, i miei interessi, i miei ricordi. Probabile destinati a finire in quei bustoni neri dei rifiuti. Ma qualcosa si può salvare e mettere a disposizione di chi possa essere interessato a quei temi di cui mi sono occupato per i giornali e per i libri che ho pubblicato.

Archeologia, storia, turismo, sport, società, cronaca… Alcune di quelle storie, a cui ho dedicato anni di ricerche e articoli, sono diventate dei libri. Certo, in gran parte parlano della Sardegna, ma partendo dal nostra terra sono arrivato a raccontare storie più grandi, nazionali o che superano il nostro mare. Come le vicende dei “desaparecidos” italiani in Argentina, i militari e civili sardi finiti nelle foibe istriane, i martiri sardi uccisi nelle Fosse Ardeatine, le missioni della Brigata Sassari sui fronti caldi del pianeta, la Grande Guerra o il Secondo conflitto mondiale.

Così, grazie al web, ho deciso di “salvare” le pagine che ritengo più interessanti per l’aspetto storico e pubblico e di creare questo sito per mettere a disposizione articoli che altrimenti andrebbero persi o faticosamente ricercati nelle collezioni del quotidiano e delle testate in cui sono usciti.

Giornali e giornalismo

Ho pensato, con una non celata ambizione, di dedicare una sezione alla storia dei giornali e del giornalismo in Sardegna, un tema poco studiato in passato e di conseguenza carente di una bibliografia adeguata. Soprattutto per quanto riguarda i quotidiani, mentre è più ricca la pubblicistica sui periodici. Spero in un forte contributo di storici, studiosi e colleghi giornalisti per costruire un sito dinamico, che possa diventare un punto di riferimento e un archivio in costante rinnovamento.

Dalla cronaca alla storia: il blog e i libri

Inoltre questa finestra sul web è anche la vetrina dei miei libri pubblicati. Ecco, dunque, spiegato il sottotitolo del sito: “cronache, storia, libri… non solo Sardegna”. Il sito, diversamente da un giornale, è uno spazio infinito, senza tempo. Vorrei pensarlo come un progetto in evoluzione, da continuare a riempire di contenuti.

Un giornalista non va mai in pensione. Sinché può continuare a scrivere. Per questo ho riservato una finestra al blog, in cui raccogliere i miei articoli più recenti che compaiono ancora sui giornali di carta e sul web.

Biografia

 

Premio Saint Vincent di giornalismo, 1998
Premio Saint Vincent di giornalismo, 1998

Giornalista professionista, docente universitario a contratto, autore di saggi storici e culturali.

Nato a Cagliari il 26.12.1955, studio al Liceo Classico Siotto e presso la facoltà di Lettere dove mi laureo nel 1979 con una tesi dedicata al romanzo “Il Giardino dei Finzi Contini” di Giorgio Bassani. L’intervista all’autore molti anni dopo diventerà la parte centrale di un ebook sul grande scrittore ferrarese.

Inizio a collaborare giovanissimo a L’Unione Sarda dal 1974 e sin dal liceo sono attratto dal giornalismo.

Svolgo il servizio militare, dopo il corso ufficiali all’Accademia Navale di Livorno, presso lo Stato Maggiore della Marina Militare a Roma, all’Ufficio stampa e pubbliche relazioni.

Nel 1981 realizzo due numeri speciali del “Notiziario della Marina” dedicati ai 50 anni della nave scuola “Amerigo Vespucci” (dove vengo imbarcato per la crociera primaverile che porta in giro per l’Italia una mostra ecologica) e per il Centenario dell’Accademia Navale.

 

Quarant’anni all’Unione Sarda

Assunto da L’Unione Sarda nel 1982 e nel 1984 divento giornalista professionista. Svolgo tutta la carriera nel più importante quotidiano sardo: da cronista a caporedattore centrale (1994) e quindi vicedirettore dal 1998, carica che terrò sino al pensionamento nel 2015 con ben otto direttori che si sono succeduti alla guida del giornale.

Tra le diverse esperienze professionali, cronista di cronaca giudiziaria per sette anni, responsabile della redazione di Oristano nel 2001, della Cronaca di Cagliari nel 2003-04 e della redazione di Roma nel 2011. Per un ventennio ricopro anche l’incarico di segretario di redazione, curo e realizzo numerosi inserti e supplementi speciali che il giornale pubblica annualmente in occasione di feste e sagre (Sant’Efisio, la Cavalcata Sarda, I Candelieri, la Sartiglia, il Redentore), grandi eventi (visite di Papi e Presidenti), anniversari (Grande Guerra, 150 anni dell’Unità d’Italia, Bombardamenti di Cagliari nel 1943, Brigata Sassari in Iraq) e altri.

Partecipo alla realizzazione dei Piani editoriali e dei rinnovamenti tecnologici riguardanti il lavoro redazionale e i sistemi integrati dal 1994 al 2001.

 

Esperienze all’estero

Diverse e varie esperienze all’estero. Tra il 1992 e il 1994 lavoro a Varsavia come giornalista referente del Gruppo italiano Unione Sarda proprietario del quotidiano “Zycie Warzsawy” e del network televisivo “Polonia 1”.  A Tel Aviv e a Beirut nel 1994 per la promozione di Video on line.

Inviato nel 1992 a Barcellona per seguire il presidente della Repubblica Francesco Cossiga. Nel novembre 2004 inviato speciale a Nassirya, in Iraq, a seguito della Brigata Sassari impegnata nella missione di pace; nel 2009 a Bruxelles per un vertice della Nato;  nel 2010 a Tokyo per la settimana dedicata all’export sardo e a Budapest nel 2013 per un convegno su Grazia Deledda.

 

Collaborazioni con testate regionali e nazionali

Collaborazioni

Collaboro con testate regionali e nazionali, corrispondente per la Sardegna del “Secolo XIX” di Genova e dell’Agenzia Quotidiani Associati di Roma.

Scrivo per il prestigioso annuario “L’Almanacco di Cagliari”, per il giornale degli emigrati “Il Messaggero Sardo” e per il periodico “Il Cagliaritano”.

Realizzo l’annuario turistico “Tuttosardegna” edito da Gestioni Pubblicitarie (1986/1989).

Dal 2005 referente per la Sardegna del progetto nazionale “Il Quotidiano in classe” promosso dall’Osservatorio Giovani Editori di Firenze a livello nazionale con la partecipazione dei principali quotidiani italiani per la diffusione della lettura nelle scuole superiori.

 

Premio Saint Vincent di giornalismo

Nel 1998 ricevo il Premio nazionale Saint Vincent di giornalismo per la sezione riservata alle televisioni locali con un servizio dedicato ai “desaparecidos” sardi in Argentina trasmesso dall’emittente cagliaritana Videolina. Il Premio (nella foto in alto) mi viene conferito dal presidente Oscar Luigi Scalfaro durante la tradizionale cerimonia al Quirinale.

 

Incarichi all’Università

Incarichi all’Università

Nel 2008 tengo un corso presso la Facoltà di Lettere di Cagliari per il Master in  “Metodi e materiali per il turismo culturale in Sardegna”, con un laboratorio di tecniche di scrittura per la mediazione culturale e turistica.

In seguito a quella esperienza ottengo la cattedra di Teoria e Tecnica del linguaggio giornalistico, per i corsi di laurea triennale in Lettere e Beni Culturali, dal 2008-2009 al 2015-16.

Introduco nel mio corso un seminario per il progetto nazionale “Il Quotidiano in Ateneo”.

Il mio libro “Dalla linotype al web”, storia dei quotidiani in Sardegna è tuttora adottato come manuale del corso.

In pensione dal giornale nel 2015, lascio tutti gli incarichi professionali e l’università, ma continuo nei miei studi storici, a collaborare per diverse testate e con l’Università di Cagliari.

 

Pubblicazioni

“Cagliari raccontata” (ed. Edisar, 1990) vincitore del Premio Città di Cagliari 1991 del Lions Club

“Leopoli, il mistero dell’armata fantasma” (AM&D Edizioni, 1995)

“El Tano, i desaparecidos sardi in Argentina”(AM&D Edizioni, prima edizione 2000, seconda edizione aggiornata 2005)

“Storia del museo paleontologico dell’Università” (Almanacco di Cagliari, 1985)

“Storia dell’associazione Marinai d’Italia di Cagliari” (Almanacco di Cagliari, 1986)

“La postina dei sardi” (Almanacco di Cagliari, 1987)

“Borgo Sardegna” (Almanacco di Cagliari, 2018)

“Dalla linotype al web. I quotidiani sardi dalle origini ad oggi e l’avventura di Video on Line” (Cuec, 2014)

“Incontro con Giorgio Bassani” (AM&D Edizioni, 2016), anche edizione ebook con voce dell’intervista allo scrittore ferrarese

“Donato all’acqua, Sereco per il mondo” (Quorum Edizioni, Bari, 2019)

Archivio

Intervista a Bassani: Il Giardino dei Finzi Contini
Published at 2018, December 17
Show More

News

Comunicare con i numeri

Seminario presso Dipartimento di Economia

“Dalla notizia ai grafici: comunicare con i numeri”  è il tema del seminario che si terrà giovedì 28, venerdì 29 marzo e lunedì 1° aprile presso il Campus Aresu (dalle 10 alle 12), nell’ambito delle iniziative di approfondimento per il Master in Data Science, Business Analytics e Innovazione (DSBAI), avviato dal Dipartimento di Scienze Economiche […]

Continua a leggere

Casteddaius. Figure in caricatura

Mostra di Renato Figari

Nel palinsesto degli eventi di “CagliariPaesaggio” 2018, con il patrocinio del Comune di Cagliari, inaugura giovedì 5 luglio, alle ore 19, nello spazio espositivo del Centro ex I.S.O.L.A. nel bastione di Santa Croce a Cagliari, la mostra Casteddaius. Figure in caricatura di Renato Figari. Il castello di Cagliari, crocevia di incontri e appuntamenti mondani, di […]

Continua a leggere

Amici del libro

Conferenza sulla Grande Guerra

Giovedì 24 maggio alle 17,30 nell’ambito degli incontri degli Amici del Libro Carlo Figari terrà una conferenza sul tema “Grande Guerra, quattro anni di celebrazioni per l’anniversario della vittoria”. Introduce la prof.ssa Maria Grazia Vescuso, presidentessa dell’associazione. Durante la conferenza verranno mostrate numerose immagini d’epoca, alcune poco note e recuperate dal giornalista con il contributo […]

Continua a leggere

Conferenza su Giorgio Bassani

Presentazione ebook di Carlo Figari

In occasione delle celebrazioni nazionali per il Centenario della nascita del grande scrittore ferrarese Giorgio Bassani, mercoledì 9 novembre alle ore 11 presso l’aula magna G. Motzo della Facoltà di Lettere di Cagliari, verrà presentato l’ebook (uscito anche in edizione cartacea) del giornalista, saggista e docente universitario Carlo Figari intitolato “Incontro con Bassani” (edito da […]

Continua a leggere

Cerca nella categoria News:

Ultimi articoli:

Giornalismo

Omaggio a Manlio Brigaglia

Due libri e due incontri a Cagliari e a Sassari

L’Ordine dei giornalisti ricorda il Professore con due incontri a Cagliari e a Sassari Manlio Brigaglia, storico, saggista, docente prima al Liceo e poi all’Università, preziosissimo curatore dell’editing e promotore di decine di volumi di scrittori e ricercatori sardi. E giornalista. Scomparso il 10 maggio del 2018 è stato ricordato in numerose iniziative culturali che hanno […]

Continua a leggere

In Sardegna spariscono i blog

Proliferano le testate native digitali mentre si impongono i social network

Blog e quotidiani online: un amore destinato a  scomparire in pochi anni di Francesca Matta Il blog è morto, viva il blog. È quel che viene da pensare se si scorrono le home page dei principali quotidiani online in Sardegna. Il format, che aveva conosciuto un forte successo all’inizio degli anni duemila, sembra aver perso […]

Continua a leggere

Le cronache de L’Unione Sarda sulla Grande Guerra

A cura di Maria Francesca Chiappe per i 130 anni del giornale

LE CRONACHE DE L’UNIONE SARDA SULLA GRANDE GUERRA  In occasione delle celebrazioni per i 130 anni del quotidiano sardo Maria Francesca Chiappe ha curato la pubblicazione del volume “Le Cronache de L’Unione Sarda sulla Grande Guerra”, presentato nella sala consiliare del Municipio di Cagliari nel novembre 2018 e quindi distribuito insieme al giornale.  Con un’appassionante […]

Continua a leggere

Dalla cronaca alla storia

Raccolta di prime pagine dell'Unione Sarda a cura di Bepi Anziani

Nelle prime pagine del quotidiano 130 anni di storia Tra le iniziative promosse dal Gruppo L’Unione Sarda per celebrare l’anniversario dei 130 anni, a partire dall’ottobre 2018 e sino all’ottobre 2019, viene pubblicato col giornale un inserto di quattro pagine da conservare: sono la ristampa di tre prime pagine tratte dalla collezione storica e una […]

Continua a leggere

Il disastro ieri e oggi

Analogie tra il 1889 e il 2018

Sembra di leggere le cronache dei giorni scorsi: <<Case in rovina, masserizie distrutte, carogne di mandrie disseminate nei campi, lungo i filari di vigneti, dentro i fossati dello stradale, rendono immagine d’una ecatombe spaventosa, d’un saccheggio sfrenato>>. E ancora: <<Sentosi per l’aria un non interrotto piagnisteo di donne e fanciulli, di vecchi… Chi rimpiange le […]

Continua a leggere

L’Unione Sarda verso i 130 anni

Da questo mese inizia il lungo cammino che porta alla celebrazione di una data importante per il giornale di Cagliari: il 6 ottobre 2019, quando L’Unione Sarda festeggerà il 130mo compleanno. Uno straordinario traguardo per uno dei quotidiani italiani più antichi che ha superato indenne due guerre mondiali, i bombardamenti del 1943, crisi economiche e […]

Continua a leggere

L’Unione Sarda, una storia secolare

I 130 anni di vita del quotidiano cagliaritano

L’Unione Sarda comincia le pubblicazione a Cagliari domenica 6 ottobre 1889 con un numero di saggio, diventando quotidiano il 17 dicembre sotto la direzione di un giovane giornalista (aveva 23 anni) Marcello Vinelli. Viene fondato per appoggiare un gruppo politico di liberali della sinistra giolittiana che a Cagliari ha il suo leader in Francesco Cocco […]

Continua a leggere

La Nuova Sardegna cambia veste

L’approdo di un lungo percorso iniziato nel 1891
Da La Nuova Sardegna - 29.04.2018

di Costantino Cossu  La Nuova sta per cambiare. Lo vedrete nei prossimi giorni. Siamo a meno 5. Quando si guarda al futuro, come ora stiamo facendo, tornare al passato può essere utile. Aiuta a mantenere una coerenza rispetto ad alcuni valori di fondo che di fronte alle nuove sfide non vanno perduti. Proviamo allora a […]

Continua a leggere

L’Unione Sarda a Santa Gilla

Dopo un secolo nel novembre 2011 il trasferimento nella nuova sede

di Carlo Figari La storia comincia da lontano, in un piccolo appartamento al numero 2 della  via Monache Cappuccine, l’attuale via Cima a due passi da piazza Martiri che all’epoca era il crocevia tra i rioni storici di Cagliari. Arredamento spartano, penne e calamai. È lì che ai primi di ottobre del 1889 il gruppo […]

Continua a leggere

Giornali in Sardegna: bibliografia

Guida agli studi e ai libri sulla stampa sarda

Sulla storia dei quotidiani sardi, sullo sviluppo delle nuove tecnologie e del web esistono ormai numerosi studi scritti da validi storici che hanno approfondito gli aspetti della stampa in Sardegna dalle origini alla seconda metà del Novecento. Dai loro fondamentali lavori emerge lo spaccato politico, economico e sociale dell’Isola, inquadrato nel volgere degli avvenimenti che […]

Continua a leggere

Blog

Le guerre dimenticate

Italia in vacanza, nel mondo si uccide

Mentre gli italiani si preparano alle vacanze o sono già al mare, l’attenzione dei media è concentrata sugli sviluppi del braccio di ferro tra Salvini e le Ong sulla questione dei migranti. La bellezza di Lampedusa oscurata dalle drammatiche immagini della “Sea Watch 3” fa pensare ad un’altra estate senza pace. È straniante parlare sotto […]

Continua a leggere

La crisi del porto industriale

L'Italia e l'UE: serve una politica del mare

Il mare rappresenta per i Paesi dell’Unione europea un’enorme fonte di ricchezza e la principale via di comunicazione per le merci: il 50 per cento dei beni di consumo entra in territorio comunitario con le navi e il 45 per cento dell’export esce attraverso il commercio marittimo. Altrettanto rilevanti sono gli scambi via mare all’interno […]

Continua a leggere

L’ora delle scelte

L'Europa e la politica per la Difesa

Eletto il Parlamento, ora bisogna ripartire con l’azione politica determinata dai nuovi rapporti di forza all’interno dell’assemblea di Strasburgo e delle commissioni di Bruxelles. Il negoziato sul prossimo bilancio è fondamentale perché la ripartizione che ne emergerà sarà l’indicatore delle priorità politiche, sociali ed economiche dell’Unione nei prossimi sette anni. La maggioranza degli elettori ha […]

Continua a leggere

Lo spauracchio di nome Orbán

Il pericolo sovranista

Il 23 agosto 1989 il nuovo governo riformista ungherese, che aveva sostituito al potere il leader del Partito comunista Janos Kadár, aprì i confini con l’Austria attraverso i quali, nel volgere di poche settimane, si riversarono migliaia di tedeschi dell’Est. A fine settembre oltre trentamila cittadini della moribonda Ddr erano scappati a Ovest dalla porta […]

Continua a leggere

La Storia di tutti noi

L'anniversario del 25 aprile 1945, festa della Liberazione

Il 25 aprile non è una celebrazione qualunque, una scampagnata folcloristica con bandiere e gagliardetti dell’associazione partigiani. Non è un anniversario retorico da segnare sul calendario per organizzare un ponte festivo. E soprattutto non può essere paragonato, con un’azzardata metafora, ad un derby calcistico, di quelli che da sempre dividono gli italiani malati nel Dna […]

Continua a leggere

Se le immagini fanno la Storia

Verso una public history

La storia in tv e nel web Il fungo atomico su Hiroshima, i volti glaciali e arroganti dei gerarchi nazisti durante il processo di Norimberga, l’ingresso festante degli americani a Roma, lo sbarco degli alleati sulle spiagge della Normandia, la bandiera rossa che sventola sul Reichstag a Berlino. Sono alcune immagini iconiche entrate nella storia. […]

Continua a leggere

Fosse Ardeatine, verità oscurate

L'anniversario della strage 75 anni dopo
L'Unione Sarda - 24.03.2019

A settantacinque anni dalla strage delle Fosse Ardeatine, il 24 marzo del 1944, ancora brucia il ricordo della rocambolesca fuga dall’ospedale militare Celio di Roma di Herbert Kappler, comandante della Gestapo nella capitale e condannato all’ergastolo quale criminale di guerra. Fu lui il principale responsabile del massacro di 335 civili e militari detenuti nelle carceri […]

Continua a leggere

Ma L’Algeria ci riguarda

Le proteste contro il presidente Bouteflika

Il mondo è una polveriera con tanti fuochi attorno. Ce ne accorgiamo guardando le breaking news dei tg che mostrano per qualche secondo immagini di conflitti, attentati e manifestazioni popolari represse con la violenza. Ma è tutto come se fosse un telefilm, basta cambiare canale per trovare altre storie e altro sangue. La conta quotidiana […]

Continua a leggere

La sindrome dei reduci sardi

Il ritorno dalle missioni di pace

Quando a Natale è venuta in Sardegna un’amica di famiglia ha raccontato che il marito, militare dell’Esercito da qualche tempo in pensione, non riesce ancora ad abituarsi alla quotidianità della vita civile. La signora di origini sarde ha messo radici nella penisola, non lontano dalla caserma dove era assegnato il marito che, in realtà, ha […]

Continua a leggere

Shoah, il dovere di ricordare

La ricorrenza dell'Olocausto

Lo scorso dicembre in Israele è morto all’età di 93 anni Simcha Rotem, l’ultimo sopravvissuto degli eroi del ghetto di Varsavia. Nome di battaglia Kazik, aveva 17 anni quando tra aprile e maggio del 1943, con un manipolo di giovani, per dieci giorni tenne in scacco le SS naziste. Armati solo con qualche pistola e […]

Continua a leggere

Cerca nel Blog:

Ultimi articoli dal Blog:

Contatti

Compila il form

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Contributi

Sono ben accetti suggerimenti e contributi riguardanti i temi trattati nel sito che l’autore si riserva di pubblicare compatibilmente con gli spazi.

Carlo Figari

Facebook
Instagram
YouTube

 

Tel.: +39 348 52 06 172

E-mail: info@carlofigari.it

 

Copyright©2018 www.CarloFigari.it

 
Tutti i diritti di testi, foto, video e Pdf sono riservati e coperti dalle norme sul copyright. Eventuali riproduzioni a scopo didattico, di ricerca o per pubblicazioni di qualsiasi genere e con ogni mezzo cartaceo e/o elettronico, sono ammesse dietro preventiva richiesta all’autore e con obbligo di citazione della fonte.
 
 
I Pdf delle pagine de L’Unione Sarda pubblicati in questo sito sono riservati e coperti da copyright. Eventuale pubblicazione richiede diretta ed esclusiva autorizzazione de L’Unione Sarda.

Created by potrace 1.10, written by Peter Selinger 2001-2011 Layer 1 Created by potrace 1.10, written by Peter Selinger 2001-2011 Layer 1