Lo spauracchio di nome Orbán

Il pericolo sovranista

Il 23 agosto 1989 il nuovo governo riformista ungherese, che aveva sostituito al potere il leader del Partito comunista Janos Kadár, aprì i confini con l’Austria attraverso i quali, nel volgere di poche settimane, si riversarono migliaia di tedeschi dell’Est. A fine settembre oltre trentamila cittadini della moribonda Ddr erano scappati a Ovest dalla porta […]

Continua a leggere

La Storia di tutti noi

L'anniversario del 25 aprile 1945, festa della Liberazione

Il 25 aprile non è una celebrazione qualunque, una scampagnata folcloristica con bandiere e gagliardetti dell’associazione partigiani. Non è un anniversario retorico da segnare sul calendario per organizzare un ponte festivo. E soprattutto non può essere paragonato, con un’azzardata metafora, ad un derby calcistico, di quelli che da sempre dividono gli italiani malati nel Dna […]

Continua a leggere

Se le immagini fanno la Storia

Verso una public history

La storia in tv e nel web Il fungo atomico su Hiroshima, i volti glaciali e arroganti dei gerarchi nazisti durante il processo di Norimberga, l’ingresso festante degli americani a Roma, lo sbarco degli alleati sulle spiagge della Normandia, la bandiera rossa che sventola sul Reichstag a Berlino. Sono alcune immagini iconiche entrate nella storia. […]

Continua a leggere

Fosse Ardeatine, verità oscurate

L'anniversario della strage 75 anni dopo
L'Unione Sarda - 24.03.2019

A settantacinque anni dalla strage delle Fosse Ardeatine, il 24 marzo del 1944, ancora brucia il ricordo della rocambolesca fuga dall’ospedale militare Celio di Roma di Herbert Kappler, comandante della Gestapo nella capitale e condannato all’ergastolo quale criminale di guerra. Fu lui il principale responsabile del massacro di 335 civili e militari detenuti nelle carceri […]

Continua a leggere

Ma L’Algeria ci riguarda

Le proteste contro il presidente Bouteflika

Il mondo è una polveriera con tanti fuochi attorno. Ce ne accorgiamo guardando le breaking news dei tg che mostrano per qualche secondo immagini di conflitti, attentati e manifestazioni popolari represse con la violenza. Ma è tutto come se fosse un telefilm, basta cambiare canale per trovare altre storie e altro sangue. La conta quotidiana […]

Continua a leggere

La sindrome dei reduci sardi

Il ritorno dalle missioni di pace

Quando a Natale è venuta in Sardegna un’amica di famiglia ha raccontato che il marito, militare dell’Esercito da qualche tempo in pensione, non riesce ancora ad abituarsi alla quotidianità della vita civile. La signora di origini sarde ha messo radici nella penisola, non lontano dalla caserma dove era assegnato il marito che, in realtà, ha […]

Continua a leggere

Shoah, il dovere di ricordare

La ricorrenza dell'Olocausto

Lo scorso dicembre in Israele è morto all’età di 93 anni Simcha Rotem, l’ultimo sopravvissuto degli eroi del ghetto di Varsavia. Nome di battaglia Kazik, aveva 17 anni quando tra aprile e maggio del 1943, con un manipolo di giovani, per dieci giorni tenne in scacco le SS naziste. Armati solo con qualche pistola e […]

Continua a leggere

La nemesi dei vincitori

La rivincita degli sconfitti della Grande Guerra

La lunga riflessione sulla Grande Guerra, dopo quattro anni di celebrazioni che hanno portato a ricordare il centenario della vittoria lo scorso novembre, è arrivata a una conclusione. Ed è davvero inquietante: i vincitori di allora sono i perdenti di oggi, o quanto meno hanno chiuso un 2018 con enormi problemi politici che annunciano un […]

Continua a leggere

La Cina è vicina

L'espansione dei cinesi

Il recente accordo firmato a Roma tra Regione, Crs4 e il colosso Huawei  per lo sviluppo di tecnologie al servizio dei cittadini e delle imprese, rilancia la presenza cinese in Sardegna in modo nuovo e sempre più penetrante. Non solo negozietti low cost o megastore dove trovi tutto, ma ora piombano i grandi marchi cinesi. […]

Continua a leggere

L’Albo dei caduti, dovere morale

Grande Guerra

Il 4 novembre ricorre l’anniversario della Vittoria nel primo conflitto mondiale. Si concludono così quattro anni di celebrazioni per ricordare la Grande guerra che, pur con enormi sacrifici e uno spaventoso bagno di sangue su tutti i fronti, portò al compimento del processo unitario. Un secolo è trascorso. Quella fu la guerra dei nostri bisnonni […]

Continua a leggere
Copyright©2018 www.CarloFigari.it - Privacy & Cookie Policy