Vito Biolchini: libertà di scrivere

La sfida del blogger cagliaritano

La libertà di stampa è di chi possiede un organo di stampa”: questo sottotitolo della testata del blog vitobiolchini.it  (il link)  riassume lo scopo e l’identità di un sito che l’autore ha lanciato nel 2011 fa nel mondo dell’editoria online regionale. Già presente dai primi anni novanta nelle radio private e più di recente su Rai Sardegna, Vito Biolchini è una voce libera e alternativa nel panorama del giornalismo sardo. Schierato a sinistra, non risparmia critiche a nessuno, spesso con toni aspri e ironici, che gli attirano simpatie da una parte e ovviamente le reazioni dall’altra. La polemica è la forza del blog e tiene alto l’audience proprio perché fa parlare. Il suo sito punta soprattutto sull’analisi dei fatti e della politica regionale, con un occhio di riguardo alla cronaca locale (Cagliari in particolare), all’ambiente, alla cultura e agli spettacoli. Alle cronache affianca gli approfondimenti e le opinioni, sia nelle trasmissioni radiofoniche che nel blog.

La frase di cui sopra, Biolchini l’aveva letta in un manuale di giornalismo, ma – dice lui stesso – non ricorda la paternità dell’autore. Intanto gli è piaciuta e l’ha fatta propria perché rappresenta significativamente la libertà di fare giornalismo indipendente fuori da una redazione. Una sfida coraggiosa che lo ha imposto tra i pochi blogger seguiti in Sardegna. Seppure a fatica, il sito è sempre attivo e quotidianamente presenta i suoi articoli, commenti, analisi e commenti di lettori e collaboratori.

In un suo intervento (“Il giornalismo è la lotta per il giornalismo”) pubblicato nel volume “Dossier sul giornalismo in Sardegna” a cura dell’UCSI (vedere il post su questo sito: il link), traccia il bilancio del suo blog: «Dopo sette anni, oltre 1500 articoli, oltre di cinque milioni di pagine lette e quasi 50 mila commenti pubblicati, quel blog ancora resiste, e molti pensano che sia il mio vero lavoro quando in realtà continua ad essere il mio bellissimo e pericoloso passatempo». Oggi quei numeri sono cresciuti e Biolchini continua a svolgere il suo lavoro di comunicatore a 360 gradi.

Chi è Vito Biolchini

Classe 1970, cagliaritano, iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 1993 e professionista dal 2003, ha collaborato a partire dagli anni 90 con il quotidiano La Nuova Sardegna per poi far parte dal 1996 della Redazione di Radio Press, di cui è stato direttore tra il 2006 e il 2011. Ha lavorato a Tiscali News, a Sardegna Uno ed è stato direttore del sito di informazione e spettacolo Godotnews. È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Cagliari (corso per il quale tiene un Laboratorio di scrittura) ed è stato consigliere dell’Ordine dei Giornalisti della Sardegna. Ha collaborato con diverse testate nazionali, tra cui l’Espresso, l’Unità, il manifesto e Radio Popolare. Collabora con la sede Rai della Sardegna per la quale conduce la trasmissione Mediterradio. 

Con il regista teatrale Elio Turno Arthemalle, conduce “Buongiorno Cagliari” ogni mattina dal lunedì al venerdì in diretta alle 8 alle 9 (e in replica dalle 13) sui 96.8 mhz di Radio X. In streaming e in podcast dal sito www.radiox.it. È responsabile della comunicazione del Centro di servizio per il volontariato Sardegna Solidale.

Copyright©2018 www.CarloFigari.it - Privacy & Cookie Policy